Novità Bonus Mobili 2018

Bonus Mobili 2018

Il Bonus Mobili e Grandi Elettrodomestici è stato prorogato anche per il 2018; pochi giorni fa la conferma del testo della Legge di Bilancio 2018.

Di seguito qualche informazione relativa al bonus mobili per il 2018:
1. Chi ha diritto al bonus mobili
Hanno diritto al bonus tutti i proprietari di unità immobiliari destinate alla residenza, ma anche gli affittuari o gli usufruttuari che sostengono annualmente le varie spese relative agli arredi e agli elettrodomestici.

2. Bonus mobili fino ad un massimo di 10.000 euro anche per il 2018
Come per il 2017, anche per il 2018 sarà possibile usufruire della detrazione dell’imposta lorda Irpef, pari al 50% delle spese che verranno effettuate a partire dal 1 gennaio 2018, fino a un massimo di 10.000 euro per l’acquisto di mobili e grandi elettrodomestici.

3. Bonus mobili collegato al bonus ristrutturazioni
Possono accedere al bonus mobili e grandi elettrodomestici solo coloro che hanno iniziato i lavori di ristrutturazione a partire dal 1 gennaio 2017 in poi (anche a chi inizierà i lavori nel 2018) e hanno usufruito del relativo bonus ristrutturazioni, purché si effettuino i pagamenti dopo l’inizio lavori. Il bonus per il risparmio energetivo a differenza del bonus ristrutturazioni, non è collegabile anche al bonus mobili.

4. Bonus mobili anche per arredare ambienti diversi da quelli in ristrutturazione
Chi ha diritto ad accedere al bonus mobili e grandi elettrodomestici perché ha avviato la ristrutturazione di un’abitazione, ha diritto di collocare gli arredi anche in un ambiente diverso da quello direttamente oggetto di opere edilizie.

5. Bonus mobili per gli arredi condominiali
Il bonus mobili per gli arredi destinati alle parti comuni condominiali residenziali è valido se è il condominio a effettuare i lavori di manutenzione, che possono essere lavori ordinari o straordinari.

6. Arredi e grandi elettrodomestici
Saranno detraibili con il bonus mubili arredi acquistati nuovi quale divani, letti, elettrodomestici di classi A++ con lavatrici o frigoriferi, e saranno inserite anche le spese per il trasposto il montaggio dei vari prodotti. Saranno invece escluse tende, porte e completementi d’arredo. Esclusi invece dal bonus gli acquisti per porte, tende e tendaggi, complementi di arredo.

7. Pagamenti anche con carta di credito e/o di debito
Sono accettati tutti i pagamenti quali bonifico bancario o postale, carte di credito o di debito, tranne i pagamenti con contanti, assegni o carte prepagate.

Quali sono i documenti da conservare?
Per usufruire correttamente di tutte le agevolazioni è molto importante conservare

  • le fatture, complete di tutti i dati necessari come i dati sulla quantità e la tipologia dei prodotti acquistati;
  • una copia dei bonifici con relativo addebito;
  • una copia delle transazioni;
  • una copia dell’inizio lavori presentato in Comune per l’effettuazione dei lavori di ristrutturazione legate al bonus mobili.

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *