La nuova cucina Mia Scavolini ideata da Cracco in anteprima al Salone del Mobile 2018

E’ uno dei nomi più importanti della cucina stellata italiana, ma anche uno dei volti televisivi più noti nel campo dei format culinari e delle trasmissioni dove tecnica e buon cibo sono i protagonisti. Stiamo parlando di Carlo Cracco, un uomo a cui non occorrono troppe presentazioni. Non tutti sanno però che l’allievo di Gualtiero Maltesi, che ha ricevuto il suo primo personale successo facendo ottenere tre stelle Michelin all'”Enoteca Pinchiorri” dove da giovanissimo ne aveva ottenuto la conduzione, non è soltanto esperto di cucina, di food-business e di show-cooking. Infatti, grazie alla collaborazione con Scavolini, nata inizialmente prestando il proprio volto come testimonial dell’azienda pesarese, Cracco è oggi un valido collaboratore dell’azienda che ha reso possibile la realizzazione di una cucina a dir poco speciale.

Si chiama “Mia” e attraverso un’approfondita ricerca ed un’alta cura per i dettagli, questa cucina è il risultato ottenuto dal connubio di innovazione e tecnologia. Questi due aspetti infatti rappresentano le caratteristiche più rilevanti di questa grande realizzazione che è stata presentata al Salone del Mobile di Milano. Grazie a questa speciale collaborazione dunque Scavolini ha potuto realizzare la perfetta versione domestica di una cucina professionale e l’entusiasmo e l’attesa da parte del pubblico dimostra tutto l’interesse maturato negli ultimi anni nei confronti di questo settore.

Grazie a Scavolini e allo chef Carlo Cracco dunque, la cucina “Mia” ha contribuito a conferire lustro ed eccellenza insieme alle tante altre creazioni italiane presenti al Salone, evidenziando ancora una volta come il Made in Italy occupi da sempre un posto importante nel panorama internazionale di arredamento e design. Non è un caso inoltre che l’azienda abbia scelto di presentare la propria nuova creazione proprio al Salone del Mobile di Milano, una vetrina molto importante dove quest’anno sono state registrate più di  400 mila presenze da tutti i paesi del mondo. Più nello specifico è stata presentata all’interno della speciale sezione chiamata “Eurocucina FTK” che il frutto della collaborazione tra Carlo Cracco e l’azienda Scavolini. Inoltre considerando che la sigla FTK sta per “Technology For the Kitchen” è possibile affermare che non vi era posto migliore per tale presentazione. Infatti la cucina firmata Carlo Cracco non è un semplice luogo dove cucinare, ma un “concept” pensato e progettato per rispondere a pieno all’interesse collaterale riguardante la tecnologia a servizio di chi ama cucinare. Realizzata per essere una cucina dal tono professionale, ma con la capacità di sapersi armonizzare con il resto di un arredamento domestico, “Mia” è un progetto perfettamente riuscito che, pur non rinunciando agli aspetti tecnici all’altezza di uno chef stellato, risulta contemporanea ed elegante e perfetta per essere inserita in qualsiasi contesto moderno e contemporaneo.

Per l’occasione è stato organizzato uno show-cooking dove l’ex volto di Masterchef, che è ormai testimonial Scavolini da due anni, ha dimostrato come è possibile ottenere risultati professionali in una cucina domestica e pensata per essere apprezzata da tutte le famiglie italiane, ma con il plus di offrire quegli aspetti tecnici caratteristici di una cucina professionale, come quelle dello chef Cracco.

A rendere possibile tutto ciò, oltre che il design sobrio ed attuale che caratterizza tutte le cucine dell’azienda pesarese, sono soprattutto gli elettrodomestici integrati, pensati per dare una grossa mano in cucina sotto numerosi punti di vista. Nella cucina “Mia” sono presenti infatti degli strumenti utili ed esclusivi come lo speciale forno per la lievitazione, un essiccatore professionale per disidratare gli alimenti e una macchina per il sottovuoto. Ma gli aspetti esclusivi che rendono speciale questa cucina sono senza dubbio quelli rappresentati dalla tecnologia della lampada in grado di riscaldare i cibi, quello del design con la quale è stato realizzato il portabottiglie da parete ed ancora l’utilità dei porta utensili all’altezza di uno chef he esige sempre ordine ed organizzazione nei luoghi in cui lavora.

Promozione Scavolini & Whirlpool

Acquista una cucina Scavolini con forno, piano cottura, lavastoviglie e noi ti regaliamo un frigorifero Whirlpool Everest 400 fino al 21 dicembre.

Cucine Scavolini, un mondo di proposte e di vantaggi di marca

Serietà, qualità, innovazione, ricerca ma anche rispetto dell’ambiente, queste le caratteristiche del marchio Scavolini, indiscusso leader di mercato nella produzione di mobili da cucina Made in Italy.
Con la sua ampia gamma di proposte e la possibilità di creare uno spazio completamente personalizzato e su misura, Scavolini ha trasformato la cucina in un vero e proprio paesaggio domestico, che riflette il gusto e lo stile di chi lo abita, in maniera unica.

I vantaggi di scegliere Scavolini

SERVIZIO
Da noi puoi trovare un consulente selezionato e preparato al tuo servizio, che ascolterà le tue esigenze assistendoti in ogni fase dell’acquisto, dai rilievi al progetto, dalla preventivazione al trasporto, al montaggio e successivamente, nel post-vendita. Perché nel nostro punto vendita ad essere speciali non sono solo gli arredi, ma anche le persone.

DESIGN
Qualità dei materiali unita a un occhio sempre attento verso le nuove tendenze, moderne e innovative. Per questo motivo Scavolini collabora con i più grandi designer (tra i quali Giugiaro, Karim Rashid, King & Miranda, Michael Young, OraÏto e Nendo) per darti sempre la garanzia dell’eccellenza e dello stile.

ECOLOGIA
Rispetto dell’ambiente ma anche tutela della salute, questo è un impegno del marchio Scavolini che investe nel costante rinnovamento dei propri impianti produttivi puntando alla riduzione dei consumi energetici, in particolare, tramite l’utilizzo delle energie rinnovabili e il riciclo attento dei materiali di scarto. I pannelli Idroleb®, a bassissime emissioni di formaldeide, garantiscono la salute dei dipendenti e dell’ambiente, oltre a costituire un plus per il cliente.

GARANZIA
Scavolini offre una garanzia di 10 anni sui mobili della cucina e di 5 anni su tutti gli elettrodomestici installati, senza alcun costo aggiuntivo. Qualità e certezza dell’acquisto innanzitutto.

…inoltre…

Fino al 31 dicembre 2017, se ristrutturi la tua casa, potrai usufruire di una detrazione fiscale del 50% sul valore di mobili e grandi elettrodomestici, per un importo massimo di 10.000 euro.
Fino al 30 settembre finanziamento a tasso zero con Findomestic.

Vieni a visitare la showroom di Monti Arreda in via Via Roma, 79 a Cittiglio e richiedici un preventivo gratuito per la tua nuova cucina Scavolini!
Siamo aperti tutto il mese di agosto.

L’isola in cucina, come e perché

Emblema della cucina moderna, l’isola è indubbiamente uno degli elementi più amati per via della sua grande versatilità, la funzionalità e l’aspetto decisamente gradevole. Per questo motivo ormai designer e produttori di tutto il mondo come Scavolini propongono modelli con isola anche per le cucine più classiche. Oltre a rendere più dinamico l’aspetto della stanza rispetto ad una tradizionale soluzione lineare, l’isola rappresenta anche la convivialità di questa zona della casa, soprattutto laddove cucina e sala da pranzo sono racchiuse in un’unica area living. L’isola, inoltre, è un elemento estremamente versatile che può essere utilizzato in diversi modi a seconda delle proprie esigenze: zona lavoro, spazio contenitivo o tavolo per colazioni e pranzi veloci. Se si tratta di un’isola di grandi dimensioni, può anche soddisfare tutte queste necessità.

Isola come zona di lavoro


(Cucina Scavolini Foodshelf)

Se si desidera un’isola che sia il centro operativo della cucina, deve essere presente innanzitutto un grande piano di lavoro in modo tale da avere sufficiente spazio per poter preparare comodamente i pasti ed appoggiare tutto il necessario. Solitamente in questi modelli vengono inseriti anche il lavello ed il piano cottura, così da non doversi spostare da una parte all’altra della stanza mentre si cucina. Eventualmente, si possono collocare nella zona sottostante del mobile anche il forno o persino un minifrigo, così da avere sempre a portata di mano gli ingredienti freschi che si utilizzano più spesso nella preparazione dei pasti. Quando l’isola ha un ruolo così cruciale e centrale nella cucina, è fondamentale avere un’ottima illuminazione. A seconda dei propri gusti e dello stile della stanza si possono prediligere eleganti e discreti faretti oppure delle affascinanti luci sospese.

Isola come zona pasti


(Cucina Scavolini Ki)

Utilizzare l’isola come zona ristoro è un grande classico: chi non ha in mente qualche immagine tratta da riviste o film americani dove i bambini fanno colazione seduti al bancone dell’isola mentre la mamma è dietro ai fornelli? In questo caso la presenza di sedie o, meglio, di sgabelli è d’obbligo. Di certo per i pasti con la famiglia al completo o in presenza di ospiti verrà usato il tavolo da pranzo, ma per colazioni, spuntini e pasti veloci l’isola rappresenta sicuramente una grande comodità.

Isola come elemento contenitivo


(Cucina Scavolini Baltimora)

Molti scelgono di inserire un’isola nella propria cucina per poterla utilizzare come spazio contenitivo dove riporre stoviglie, utensili ed elettrodomestici. In questo caso è fondamentale optare per un modello completo di vani e cassetti, magari anche una cantinetta per le bottiglie. In questo modo anche in presenza di una cucina con pochi elementi, si potranno sistemare in modo comodo ed ordinato tutti gli accessori.

Cambiare la cucina: come sceglierla

La cucina è uno dei luoghi della casa più importanti, dove si concentra il cuore della vita familiare, dei momenti conviviali, della riunione dei componenti della famiglia per i pasti e per le conversazioni. Disporre di una bella cucina non è solo un’esigenza funzionale e pratica, per poter cucinare con comodità e agio, ma diventa una necessità emotiva, emozionale. Il tutto va coniugato con uno stile che esprima la personalità della padrona di casa e che si abbini armoniosamente con l’arredamento di tutto l’appartamento. Cambiare la cucina è un’operazione che implica un certo impegno, sia a livello di investimento economico sia in termini di lavori murari ed edilizi ed il risultato finale deve essere soddisfacente e ripagare di tutta l’attenzione dedicata a tal scopo. Come ci si deve organizzare e quali aspetti bisogna tenere in considerazione quando si sceglie una cucina nuova?

Una cucina che parli di te

In cucina non si prepara solo cibo, si prepara nutrimento. Quando, giornalmente, ci si stanca ai fornelli lo si fa con amore, verso se stessi e verso la propria famiglia. È importante che la cucina sia esteticamente bella, che l’ambiente sia vivibile e piacevole, in linea con i propri gusti e con l’espressione della propria personalità.

Lo stile di una cucina andrebbe scelto basandosi sull’idea che si ha del momento dei pasti, sull’emozione che si vuole trasmettere durante una cena in coppia o in famiglia. Se si ha un’idea romantica della riunione familiare la si potrà realizzare scegliendo colori caldi, stili antichi e tradizionali, linee morbide e delicate. Se si preferisce, invece, una scenografia più dinamica sarà bene orientarsi sul moderno, fatto di geometrie semplici e svelte e colori metallizzati o neutri.

Se si vuole, invece, valorizzare un’atmosfera originale e divertente, ci si orienterà su una cucina di design, fatta di accostamenti audaci e di colori stravaganti.

La funzionalità

La cucina è una stanza di lavoro, principalmente. Di questo va tenuto conto. Lo stile e l’estetica sono importanti ma devono ben coniugarsi con un’ottima fruibilità ed una buona praticità d’uso. Quando si sceglie una cucina nuova è importante valutarne anche la struttura in base al proprio metodo di lavoro. Un occhio particolare andrebbe dato all’ampiezza e alla disponibilità dei piani di lavoro: se si è amanti della culinaria e si ama sperimentare spesso ricette elaborate o laboriose, è fondamentale che gli spazi siano sufficienti e non intralcino il proprio lavoro. Bisogna anche preventivare quanto spazio occorre per contenere e conservare tutti gli utensili necessari e scegliere una cucina che offra sufficienti pensili, ante, mobili o scaffali per poter tenere tutto in ordine ed a portata di mano, in modo agevole e comodo. Infine, dedicare attenzione agli elettrodomestici e preferire le cucine che diano in dotazione marchi di qualità ed adatti al proprio stile di vita ed alle proprie esigenze specifiche. Un buon acquisto in questo senso significa anche risparmiare ed evitare di dover comprare, poco dopo il cambio della cucina, ulteriori elettrodomestici in sostituzione o aggiunta.

La qualità

Quando si fa un grosso acquisto è facile cadere nella trappola del falso risparmio. Molto spesso, cucine a prezzi stracciati che possono sembrare un affare a prima vista si rivelano, dopo poco tempo, un investimento sbagliato a causa di un basso livello di qualità. La cucina deve garantire solidità e sicurezza, deve essere vivibile e resistente. Un metodo molto efficace per testare la qualità di una buona cucina è quello di controllare l’apertura e chiusura delle ante dei pensili, del mobile da incasso del frigo, delle finiture. Bisogna ricordare che saranno antine che verranno aperte e chiuse infinite volte, spesso anche velocemente e con poca delicatezza: è fondamentale che siano resistenti e ben rifinite e che garantiscano una buona durata nel tempo.

La qualità non deve essere solo oggettiva ma anche, e soprattutto, soggettiva, cioè adatta all’aspettativa che si ha sulla nuova cucina. Se si desidera un arredamento che duri nel tempo senza risentirne, il legno, per esempio, è un classico che non delude mai. Se, invece, la priorità è quella della praticità, della facile e veloce pulizia, allora meglio scegliere materiali altrettanto validi ma che non necessitino di particolare manutenzione per risultare sempre perfetti.

I complementi d’arredo

Infine, per personalizzare e valorizzare la nuova cucina, ci si può dedicare alla scelta dei complementi: tende, cuscini per le sedie, piccoli elettrodomestici o porta-utensili, da disporre a vista qua e là, per dare all’ambiente l’ultimo tocco di unicità.

Scavolini rispecchia a pieno queste caratteristiche e serietà, con una assistenza di 10 anni.

Visita la nostra sezione relativa a tutto il mondo Scavolini

Le ultime novità 2017 di Scavolini

Come ogni anno il catalogo di Scavolini è uno dei più affascinanti ed originali, con soluzioni pronte a soddisfare ogni genere di esigenza e di gusto personale. Vediamo, dunque, quali sono le ultime novità di questo celebre marchio di eccellenza italiana.

Cucina e zona living

Scavolini si occupa di cucine da oltre cinquant’anni e lo fa da sempre con una eccezionale cura dei dettagli e del design. Il catalogo del 2017, oltre a comprendere le migliori collezioni di punta del brand, vede l’inserimento di alcune novità davvero accattivanti. Quello che cattura al primo sguardo è l’innegabile alto livello estetico e l’eleganza delle nuove composizioni, tra le quali spicca indubbiamente Carattere: una soluzione modulare in cui classe e raffinatezza si fondono con uno stile moderno e una grande funzionalità.
Frutto della collaborazione con il prestigioso studio giapponese Nendo è, invece, la cucina Ki: essenziale e minimalista, composta da elementi in legno, mensole e contenitori bianchi per creare ordine e “nascondere” gli ambienti.

Cucina Ki Scavolini

Scavolini continua, però, a pensare anche agli amanti delle cucine classiche. A loro dedica Long Island e Grand Relais, entrambe disegnate da Gianni Pareschi per la collezione Absolute Classic, all’insegna di materiali pregiati e forme accoglienti.

Cucina Long Island e Grand Relais

Vuesse, invece, ha progettato Exclusiva, una cucina contemporanea ma con una chiara influenza classica, caratterizzata da un’estrema eleganza e dalla ricercatezza delle materie prime e di dettagli preziosi. Exclusiva, inoltre, è anche una soluzione ecocompatibile perchè è realizzata con pannelli ecologici Idroleb.

Cucina Exclusiva Scavolini

 

Per finire, come non menzionare il risultato della collaborazione con Giugiaro: Flux Swing, una soluzione per unire cucina e zona living con elementi che creino armonia tra i due ambienti, fino a crearne uno unico. Profili sagomati e linee scivolose, un design dinamico e colori laccati conferiscono un carattere forte ma di classe a questa collezione.

Cucina Flux Swing Scavolini

 

Bagno

Scavolini da pochi anni ha debuttato nel settore dell’arredo bagno, per cui propone sempre una gamma molto vasta di soluzioni davvero molto interessanti. Il legno è il materiale predominante del bagno Scavolini, sia nella sua chiave classica che moderna. Via libera, dunque, al frassino, al larice ed al rovere, anche nelle versioni “decorativo” che esaltano la bellezza delle venature naturali. Tra le novità del 2017 spicca Magnifica, disegnata da Gianni Pareschi, in cui si crea un delicato ed originale equilibrio tra arredamento classico e moderno. La collaborazione con Nendo si è estesa anche al bagno. In Ki si ritrova lo stesso concept di minimalismo ed ordine che ha ispirato la creazione della cucina. Degne di nota anche Rivo e Aquo, caratterizzate dalla predominanza del legno, con forme lineari e raffinate. In Baltimora, invece, si assapora uno stile classico e molto elegante.

Prosegue la collaborazione con Diesel

Da segnalare, infine, il proseguimento della collaborazione con Diesel che aveva già riscosso un notevole successo con la creazione di Diesel Social Kitchen. Per il 2017 i due brand hanno lavorato insieme per dare vita a Diesel Open Workshop, un programma orientato sia verso l’arredamento della cucina che del bagno. In questo modo è nata la linea Diesel Living, una cucina moderna e componibile dal sapore industrial, con tanti elementi per arredare al meglio la zona giorno donando un piacevole tocco vintage. Anche la collezione bagno di Diesel Open Workshop è caratterizzata da un forte stile industrial. Oltre alla forte predominanza del metallo rispetto agli altri materiali, a caratterizzare il bagno Diesel-Scavolini è il design unico ed originale, con tanti elementi e soluzioni componibili.